“Le Commissioni, nell’esprimere parere favorevole alla conversione del decreto, hanno posto alcune condizioni – spiega Silvestrini - che, se approvate in sede definitiva, consentirebbero di sospendere il pagamento dei contributi annuali. Un onere che le imprese sarebbero tenute a versare per un sistema mai divenuto effettivamente operativo e che non ha alcuna utilità per le imprese e per l’ambiente”.

Tra le richieste delle Commissioni, infatti, è contenuta “la proroga fino al 31 dicembre 2015 del termine, previsto al 1° febbraio, per l'operatività delle sanzioni concernenti l'omissione dell'iscrizione al Sistri e del pagamento del contributo per l'iscrizione stessa”.

“Una proroga fortemente sostenuta dalla CNA – prosegue Silvestrini – tenuto conto che nei prossimi mesi, su preciso impegno del ministro Galletti, il Sistri sarà definitivamente smantellato e superato da un sistema di tracciabilità realmente efficace. Tra le altre indicazioni fornite dalle Commissioni sui temi ambientali abbiamo particolarmente apprezzato la proposta di rinvio del termine di entrata in vigore della nuova procedura di classificazione dei rifiuti. Una procedura complessa che non apporta alcun beneficio rispetto all’attuale disciplina che già ci pone in regola con le disposizioni comunitarie.”

“Ci attendiamo che  il Parlamento confermi  in sede di approvazione definitiva  le indicazioni delle Commissioni . Sarebbe questo -  conclude Silvestrini - un segno di attenzione importantissimo per l’intero sistema delle imprese.”