Energia carissima: occorre agire subito. L’indagine della CNA

energia carissima indagine cna

L’energia è diventata carissima, tanto cara da raggiungere livelli mai raggiunti prima d’ora. Il costo delle bollette di luce e gas pagato dalle imprese è oggi così alto da mettere a rischio la prosecuzione dell’attività per il 13,6% delle imprese e da comportare una possibile riduzione dell’attività e dell’occupazione, per il 21,2% delle imprese.

Energia carissima. L’indagine di CNA

La CNA ha realizzato un’indagine fra le PMI associate proprio al fine di verificare l’entità dell’aumento dei costi energetici e l’impatto di tali rincari sui costi totali di produzione.

Pur con tutte le differenze legate al tipo di fornitura e di contratto, nei primi 7-8 mesi del 2022 i costi energetici sostenuti dalle imprese sono in molti casi triplicati rispetto allo stesso intervallo temporale del 2021. Questo dato, di per sé preoccupante, lo è ancor più se si considera l’impatto degli aumenti sui costi totali di produzione anche se, ovviamente, vi è una notevolissima variabilità legata al tipo di attività svolta e al settore produttivo.

L’incidenza dei costi di elettricità e gas sui costi aziendali complessivi tocca punte del 40% nel 2022, ma si tiene mediamente intorno al 5% e il 15%. Cifre, queste ultime, che riguardano in generale di tutte le attività (sia manifatturiere sia di servizio) che lavorano a ciclo continuo con macchinari alimentati ad energia elettrica o con forni a gas. Si tratta, in ogni caso, di percentuali doppie rispetto a quelle del 2021.

I casi esemplificativi, ricavati direttamente dalle bollette energetiche pagate dalle imprese, sono raccolti in una tavola che mette in luce le principali risultanze dell’indagine.

Le proposte di CNA

A fronte della allarmante situazione registrata, CNA propone due linee di interventi:

  • misure immediate di “calmierazione”, per tutelare fin da subito le imprese dal caro-energia,
  • interventi di riforma strutturali volti a sanare le carenze del nostro sistema energetico e le inefficienze dei mercati di elettricità e gas.

Per leggere tutta l’indagine completa cliccare qui

Torna su
X